CBD: quali sono gli effetti sulla pelle

Gli effetti del CBD sulla pelle

Gli effetti del CBD sulla pelle
Gli effetti del CBD sulla pelle

Il CBD o cannabidiolo è un principio attivo della cannabis che, da diversi anni a questa parte, è al centro di un'importante attività scientifica incentrata sullo studio dei suoi numerosi benefici. 

Alcuni di questi, riguardano la pelle. Se ti interessa sapere qualcosa di più in merito agli effetti del cannabidiolo, prosegui nella lettura di questo articolo.

CBD: i benefici per la pelle

Il CBD, che viene spesso acquistato sotto forma di olio, si contraddistingue per diversi benefici interessanti per la pelle. Tra questi, rientrano le proprietà anti acne.

Il disturbo appena ricordato è tanto comune - non solo in età giovanile - quanto fastidioso e, come appena specificato, il CBD può rivelarsi un valido aiuto per contrastarlo. Il motivo è da ricondurre alle sue proprietà antinfiammatorie e antimicrobiche.

In questo frangente, è possibile chiamare in causa diverse testimonianze scientifiche. Tra queste, rientra uno studio i cui dettagli sono stati pubblicati sulle pagine del Journal of Clinical Investigation.

Lavoro che ha visto impegnati esperti di diverse realtà scientifiche e accademiche - tra cui la University of Debrecen - si è concentrato sull'indagine degli effetti del cannabidiolo sull'azione delle ghiandole sebacee umane.

Cosa è stato possibile scoprire? Che il CBD è in grado di comportarsi come un agente sebostatico altamente efficace. Gli studiosi si sono accorti nello specifico che, a fronte della somministrazione di CBD a sebociti umani in coltura, si concretizzava un'inibizione dell'azione lipogenica di composti come l'acido arachidonico.

Si potrebbe andare avanti ancora molto a parlare degli effetti del CBD sulla pelle. Tra questi, rientra anche la capacità di contrastare problematiche come la secchezza e il prurito. Anche in questo caso è possibile prendere come riferimento una testimonianza scientifica per capire qualcosa di più. 

Si tratta ancora una volta di uno studio condotto da un team attivo presso la University of Debrecen (Ungheria). Grazie a questo lavoro, è stato possibile confermare il ruolo decisivo del CBD ai fini del mantenimento dell'omeostasi della pelle, con conseguenze concrete nel contrasto a problematiche come dermatite atopica, psoriasi e acne, il tutto senza trascurare, come già detto, il prurito.

Tornando un attimo agli effetti del CBD sull'acne, un doveroso cenno deve essere dedicato al fatto che, quando si chiamano in causa i benefici del cannabidiolo, si inquadra un valido ausilio anche contro le cicatrici dell'odiato inestetismo.

Da non dimenticare è poi l'influenza positiva sulla riduzione delle cicatrici della psoriasi e della dermatite atopica. Per quel che concerne la prima problematica, è fondamentale sottolineare che diverse ricerche scientifiche hanno messo in primo piano la capacità dei cannabinoidi di inibire i recettori che causano i disordini di crescita dei cheratinociti, con conseguente formazione delle placche tipiche della psoriasi.

Come utilizzare il CBD per la pelle

A questo punto, viene da chiedersi come sfruttare i benefici del CBD per la pelle. Il principale riferimento sono senza dubbio i cosmetici, prodotti che possono essere caratterizzati anche dalla presenza di altri ingredienti, come per esempio il burro di karitè e l'olio di mandorle dolci.

Da non trascurare in ogni caso è la possibilità di assumere l'olio che, disponibile in diverse concentrazioni, permette di apprezzare un generale effetto omeostatico che si riflette anche sulla pelle.

Hai qualche altra domanda relativa agli effetti del CBD sulla pelle? Scrivila nei commenti o contattaci liberamente. Sapremo consigliarti il prodotto più adatto alle tue esigenze!

Relazionato Notizie
Menu principale
Cart
Close
Back
Account
Close