Olio di CBD Contro lo Stress: Come Agisce e Studi Scientifici

Olio di CBD: perché è utile contro lo stress?

Olio di CBD: perché è utile contro lo stress?
Olio di CBD: perché è utile contro lo stress?

L'olio di CBD è un prodotto molto conosciuto e apprezzato, a ragion veduta definibile come una delle punte di diamante del settore della cannabis light legale.
Privo di effetti collaterali, viene spesso utilizzato per contrastare lo stress. Il 2020 ci ha fatto capire come mai prima quanto la condizione sopra ricordata possa rivelarsi difficile da gestire.


Non è un caso che, fin dallo scoppio dell'emergenza sanitaria, tantissime persone abbiano scelto di provare l'olio di CBD/cannabidiolo come rimedio naturale per contrastare alcune delle conseguenze più fastidiose dello stress, per esempio l'insonnia.
Per essere precisi, è bene specificare che l'olio di CBD è stato tra i prodotti che hanno determinato il boom delle vendite di cannabis light legale online. I motivi del suo successo commerciale sono diversi. 


Oltre alla già citata efficacia anti stress - delle cui riprove scientifiche parleremo meglio nel prossimo paragrafo - rientra anche la semplicità di utilizzo. Questo prodotto, infatti, è commercializzato in pratiche confezioni caratterizzate dalla presenza di un contagocce.  

CBD e stress: le testimonianze della scienza

Negli ultimi anni, complici anche i numerosi provvedimenti di legalizzazione della cannabis, il CBD è mai come prima al centro dell’attenzione scientifica. A dimostrazione di ciò è possibile chiamare in causa diversi lavori che, per esempio, hanno indagato gli effetti dell’olio che lo contiene sull’ansia.

 Tra i tanti esempi da chiamare in causa al proposito, è possibile citare uno studio pubblicato online nel 2019 sulle pagine di The Permanente Journal. Il lavoro in questione ha visto impegnati esperti attivi presso realtà accademiche come l’Università del Colorado e il Wellness Center di Fort Collins.

 Gli studiosi sono partiti con l’obiettivo di determinare la capacità del CBD di avere ripercussioni positive su qualità del sonno e ansia. Nello studio sono stati reclutati 72 adulti. In questo ambito, sono stati inclusi soggetti con ansia primaria e problematiche di sonno.

 A seguito della somministrazione di CBD, è stato possibile riscontrare una diminuzione dei punteggi di ansia in 57 pazienti. Per tutta la durata dello studio,  è stato possibile apprezzare una loro riduzione.

 Cosa dire, invece, in merito al sonno? Che nel primo mese di somministrazione del cannabidiolo sono migliorati in 48 pazienti, andando però incontro, nel corso del tempo, a un’oscillazione.

 Si potrebbe andare avanti ancora molto a parlare degli studi che hanno dimostrato l’efficacia del CBD sui sintomi dell’ansia e dello stress. Tra le altre riprove è possibile chiamare in causa citiamo una revisione pubblicata nel 2015 che ha coinvolto un team della Scuola di Medicina della New York University e un gruppo di esperti dell’Instituto de Neurociencias di  Alicante.

 In questo frangente, gli esperti si sono basati sul ricorso al CBD come potenziale alternativa di trattamento per i disturbi d’ansia. Complessivamente, sono stati inclusi 49 studi clinici, preclinici ed epidemiologici primari, arrivando alla conclusione dell’efficacia del cannabidiolo nell’attenuazione dei comportamenti ansiosi.

 

Perché il CBD aiuta ad alleviare lo stress?

Viene naturale, a questo punto, chiedersi come mai il CBD rappresenta un punto di riferimento utile quando si tratta di alleviare lo stress. Come in tanti altri casi, bisogna fare riferimento ai recettori del sistema endocannabinoide, avente una fondamentale funzione di regolazione delle funzioni del nostro organismo.

 Entrando nel vivo dell’azione del CBD sul SEC, facciamo presente che si lega in particolare ai recettori CB1 e CB2.

 

Come scegliere l’olio di CBD migliore per rilassarsi

Non esiste un’alternativa migliore delle altre quando si parla di olio di CBD perfetto per rilassarsi e attenuare i sintomi dello stress. Il motivo è molto preciso e riguarda il fatto che, in virtù della possibilità di selezionare diversi gradi di purezza, è necessario basarsi sulla tollerabilità soggettiva.

 Il consiglio che quindi diamo è quello di partire dal livello di concentrazione minore (10%), monitorando, sempre dopo aver chiesto consiglio al medico, la situazione per qualche giorno.

 Hai qualche domanda in merito? Scrivila pure nei commenti o, se vuoi, vienici direttamente a trovare presso il nostro growshop a Milano, nel cuore del quartiere Porta Venezia. Potrai trovare numerosi prodotti a base di CBD e scoprire il meraviglioso mondo della cannabis light legale!

Relazionato Notizie
Menu principale
Cart
Close
Back
Account
Close